Cashback, app IO e questione privacy: facciamo un po’ di chiarezza

Anche se in Allbora ci occupiamo di digitalizzazione di aziende, vogliamo fare chiarezza su alcuni Servizi Online della PA — il Cashback e la modalità di attivazione di questo sull’app IO.

Innanzitutto cos’è il cashback? È una modalità di rimborso in denaro, corrisposto a fronte di acquisti effettuati.

Cashback di Natale

Il cashback di Natale è una modalità prevista dal governo italiano per incentivare gli acquisti in negozi fisici: ciò sarà possibile in quanto non saranno conteggiate operazioni fatte tramite servizi online di e-commerce. Nel dettaglio sarà riconosciuto il 10% di rimborso, fino a un massimo di 1.500 euro. Attenzione però, per ottenere i 150€ di bonus bisogna effettuare dieci pagamenti ognuno (con un importo massimo di 150 €) con carte di credito, carte di debito, bancomat o App. Quindi, se una transazione ammonta a 250 €, non saranno rimborsati 25€ ma 15€ — il 10% sul massimale di 150 € a operazione). Successivamente, a febbraio 2021, il cashback di natale sarà accreditato sull’IBAN indicato in fase di registrazione.

Vediamo ora i passaggi per usufruire del bonus.

Fasi cashback

Il cashback non sarà disponibile solamente per il periodo corrente delle feste natalizie, ma sarà esteso a tutto il 2021. Questo nuovo cashback prevede modalità simili a quello di Natale, ma con rendicontazione semestrale. Quindi, dal 1 gennaio al 30 giugno 2021, si potrà ricevere un rimborso del 10% sempre su un massimale di 1500 €, ma attenzione: si devono effettuare almeno 50 transazioni in sei mesi, e il tutto si annulla (e riparte) nel secondo semestre del 2021. Quindi, dal 1 luglio fino al 31 dicembre 2021, non saranno conteggiati acquisti e servizi online.

 

Qual è lo stato del servizio?

Abbiamo tutti avuto modo di prendere visione dei problemi che, ad oggi, il servizio sta riscontrando. L’enorme numero di accessi ha, infatti, mandato in tilt i server dell’applicazione, rendendo pressoché impossibile procedere con le operazioni. L’app è stata scaricata più di 600mila volte in una sola giornata, per un totale di ben 8 milioni di download e 14mila accessi al secondo — cifre inaspettate e che potrebbero giustificare il disservizio da parte di un sistema fino ad allora funzionante, un problema che poteva essere arginato sviluppando l’app secondo le tecnologie in uso come i docker e le cloud solution. Anche il sito della pubblica amministrazione per l’identità digitale (SPID) ha registrato negli ultimi giorni, grazie all’afflusso di soggetti iscrittisi per usufruire del cashback, un totale di 14 milioni di iscritti.

 

La questione della privacy

Abbiamo letto per voi la privacy policy di IO e potremmo affermare che, per sommi capi, tutti i dati raccolti dall’app sono informazioni che sono già in possesso di terzi, ossia i gestori delle vostre carte e i servizi online di pagamento (Google pay, Apple pay, Satispay). In sostanza, i dati ‘sensibili’ che conferiremmo sono: estremi delle carte, dati identificativi del titolare della carta, importi degli acquisti, negozi presso i quali gli acquisti sono stati effettuati e data dei suddetti. Queste informazioni possono portare a un’accurata profilazione dell’acquirente, utile per registrare e prevedere i suoi consumi e le sue abitudini di spesa.

Privacy

La nostra opinione sul programma Cashback

Noi di Allbora riteniamo che il cashback sia una modalità appropriata per incentivare all’uso dei pagamenti con carta, sia dal punto di vista del consumatore che dell’esercente. Quest’ultimo, infatti, potrà finalmente decidere di installare il POS — sperando in un considerevole taglio sui costi di commissione sulle transazioni. Ci riserviamo, però, alcuni legittimi dubbi sulla gestione dei dati raccolti.

In Allbora abbiamo l’obiettivo di semplificare molti dei servizi online già disponibili. Se vuoi ricevere l’infografica da noi realizzata, scrivici nei commenti ‘Infografica Cashback’ e provvederemo a inviartelo subito su qualsiasi dispositivo ci verrà indicato.